Difesa dei Beni Culturali

Tra gli agenti causa di degrado del Patrimonio Storico-Culturale quelli di origine biologica rivestono sicuramente un ruolo di primo piano.

Insetti, Molluschi, Roditori, Funghi e Batteri, ma anche Licheni, Muschi e Piante superiori possono determinare alterazioni anche gravi del Bene, fino a giungere alla sua completa distruzione.

Tempio della Concordia Parco della Valle Dei Templi di Agrigento

Spesso gli organismi viventi instaurano con il Bene attaccato un rapporto di tipo trofico, nutrendosi del materiale di cui è costituito. Altre volte si limitano ad utilizzare il Bene come abitazione, danneggiandolo meccanicamente o chimicamente, come nel caso di vegetali infestanti cresciuti tra le tessere di un mosaico. Più frequentemente gli organismi biodegradatori instaurano con il Bene attaccato entrambi i rapporti, abitandolo e nutrendosi di esso, realizzando un vero ecosistema sul Bene attaccato, come nel caso della termite Reticulitermes lucifugus.


 Scarica la brochure

Talvolta l'insediarsi di un organismo è favorito o addirittura condizionato dalla presenza di uno o più organismi precursori, che costituiscono i pionieri della colonizzazione biologica.

In altri casi la presenza di entità  biologiche non rappresenta un danno per il Bene Culturale, ma ne limita la fruibilità , si pensi ad esempio ad un'area archeologica invasa da zanzare o zecche.

In ogni caso nessun intervento correttivo di disinfestazione deve essere effettuato se non preceduto da un attento esame della natura e condizione del Bene, dei rapporti instauratisi con l'agente infestante e dei rapporti instaurati da quest'ultimo con l'ambiente circostante

I biodegradatori non costituiscono di per il male assoluto: senza di essi, infatti, la vita sul nostro pianeta non potrebbe esistere. Quasi sempre è la poca accortezza o la negligenza degli uomini che rende deleteria la presenza di questi organismi sul Bene.

Alla lotta indiscriminata nei confronti dei biodegradatori deve preferirsi la difesa del Bene, che deve essere preservato come testimonianza e insegnamento per le generazioni future.

La difesa dei Beni Culturali dalle avversità  di origine biologica non può prescindere dal rispetto per l'ambiente e dalla sicurezza e salute dell'uomo. Pertanto i trattamenti chimici non sono proponibili se non attuati con le dovute accortezze e le indispensabili valutazioni scientifiche preliminari.

Questo è lo spirito che anima la TecnoAmbiente, impegnata da anni nella salvaguardia dei Beni Culturali.

Blue Flower

© 2018 Tecno Ambiente del dott. G. Matranga - Via Aristofane, n° 6 - 90146 Palermo - Tel 091 6722049 - Fax 091 6721300 - info@tecnoambiente.net. All Rights Reserved.